Post in evidenza

Happy new Year

👍👍🏽👍🏿😉❤❤❤🥰😪🌷🙏🌈🙏🎶🎼🎵💋

Post in evidenza

Sondaggio: qual’è il giocatore che amate di piu’ tra Pelè, Maradona, Totti, Zico ?

Post in evidenza

Il risotto allo zafferano

Il risotto allo zafferano

Il risotto alla milanese è un piatto apprezzato in Italia e non solo. Fra storia e leggenda la ricetta ha fatto un lungo cammino è prima di arrivare alla ricetta finale. Tra le leggende, più o meno fantasiose, fiorite intorno all’origine del risotto alla milanese, ce n’è una che gode di maggior credito. Una leggenda che fa risalire alla pura casualità l’impiego dello zafferano nella preparazione del noto risotto. Stando a un manoscritto trovato alla Biblioteca Trivulziana, la nascita di questa specialità sarebbe legata inoltre strettamente anche al Duomo di Milano. Siamo nel 1574 e Maestro Valerio di Fiandra, fiammingo di Lovanio, era impegnato nella realizzazione delle vetrate della Cattedrale meneghina. Al suo fianco lavorava un aiutante chiamato Zafferano: la ragione del suo soprannome era legata all’abitudine dell’assistente di aggiungere sempre una punta di zafferano ai colori, per creare un effetto più brillante. Un giorno per scherzo, Zafferano l’8 settembre 1574, in occasione delle nozze della figlia di Valerio, concordò con il cuoco una variazione nel menu nuziale: al riso, condito con del semplice burro, sarebbe stato aggiunto anche un pizzico della spezia dorata. Con grande stupore del giovane, i commensali apprezzarono la trovata sia per il gusto sia per la nota colorata aggiunta al piatto.Dal 1300 al 1800 il risotto era cotto in acqua e poi arricchito con lo zafferano.
È solo in un ricettario del 1779, Il Cuoco Maceratese di Antonio Nebbia che si parla per la prima volta di riso soffritto con poco burro e bagnato con il brodo. Nel 1829 ne il ricettario de Il Nuovo Cuoco Milanese Economico del meneghino Felice Luraschi viene citato il “risotto alla milanese giallo”. In questo procedimento è previsto che il riso, completo di grasso, midollo di bue, noce moscata e brodo, venga infine insaporito con un po’ di formaggio grattugiato.E per il vino? Dobbiamo aspettare i primi del Novecento. A parlarcene è Pellegrino Artusi che, alla ricetta del risotto alla milanese, monca il vino, . Si tratta di una gustosa ricetta realizzata con il vino bianco per sgrassare l’untuosità appunto del midollo e grasso di bue.

Ci son voluti secoli
per arrivare alla ricetta perfetta
e il grande Artusi
la completò usando il vino
è stato un lungo cammino
ma oggi è la pietanza
più richiesta da nord a sud

Julius Papp & Lisa Shaw – Miracles ( Jarred ‘s Quiet Storm Mix )

Cari amici ho anche un altro sito web gratuitamente costruito sulla piattaforma web www.wix.com, potete votarlo dopo averlo visionato qui nell’ articolo odierno

gianmarias.wixsite.com/website

Su http://www.twitter con

Domenica Tria ex manager Eufemia viaggi

https://www.linkedin.com/in/domenica-tria-210988b2

Hair Rock Barber Man & Woman Misano Adriaco Italian Style vicino alla spiaggia Contatti 3914659545 info@hairockbarber.com prenota online app.shededul.com/online_bookinngs/116940/ via dei Platani 11b,Misano Adriatico 47838

Votate il mio sito

Area Iscritti
Pagina Iniziale

AREA ISCRITTIRENDI NET-PARADE LA TUA PAGINA INIZIALE

net parade
Net Parade
Net Parade

https://apis.google.com/se/0/_/+1/fastbutton?usegapi=1&size=small&annotation=none&hl=it&origin=https%3A%2F%2Fwww.net-parade.it&url=https%3A%2F%2Fwww.net-parade.it%2Fcgi-bin%2Fvotazione.aspx%3Futente%3DGianmaria67&gsrc=3p&jsh=m%3B%2F_%2Fscs%2Fapps-static%2F_%2Fjs%2Fk%3Doz.gapi.it.IzxgiFc4rxw.O%2Fam%3DAQ%2Fd%3D1%2Fct%3Dzgms%2Frs%3DAGLTcCNNJHHpe8x_PiTpD-oHrGyDVvtY_A%2Fm%3D__features__#_methods=onPlusOne%2C_ready%2C_close%2C_open%2C_resizeMe%2C_renderstart%2Concircled%2Cdrefresh%2Cerefresh&id=I0_1617444693079&_gfid=I0_1617444693079&parent=https%3A%2F%2Fwww.net-parade.it&pfname=&rpctoken=40083438

sito www.gianmariasemprini.wordpress.com

Votazione per il sito http://www.gianmariasemprini.wordpress.com

https://googleads.g.doubleclick.net/pagead/ads?client=ca-pub-9574700660092560&output=html&h=90&slotname=1765630335&adk=2834929954&adf=3854249013&pi=t.ma~as.1765630335&w=740&lmt=1617444692&rafmt=12&psa=1&format=740×90&url=https%3A%2F%2Fwww.net-parade.it%2Fcgi-bin%2Fvotazione.aspx%3Futente%3DGianmaria67&flash=0&wgl=1&dt=1617444691436&bpp=17&bdt=1377&idt=1296&shv=r20210331&cbv=r20190131&ptt=9&saldr=aa&abxe=1&cookie=ID%3D8b2f57520fd04819-22bad112f1ba0047%3AT%3D1617443642%3ART%3D1617443642%3AS%3DALNI_Ma3BMJOOqdWZuPTCwDbJyH9F57pMQ&prev_fmts=162×600&prev_slotnames=8275864330%2C9612996732&correlator=1948134003936&frm=20&pv=1&ga_vid=64374642.1617443641&ga_sid=1617443641&ga_hid=827459955&ga_fc=1&u_tz=120&u_his=1&u_java=0&u_h=854&u_w=385&u_ah=854&u_aw=385&u_cd=24&u_nplug=0&u_nmime=0&adx=18&ady=212&biw=980&bih=1751&scr_x=0&scr_y=0&eid=31060287%2C44735931%2C44740079%2C44739387%2C21066973&oid=3&pvsid=4292599766737943&pem=33&rx=0&eae=0&fc=640&brdim=0%2C0%2C0%2C0%2C385%2C0%2C384%2C686%2C1118%2C1999&vis=1&rsz=d%7C%7CoEe%7C&abl=CS&pfx=0&fu=9472&bc=31&ifi=4&uci=a!4&fsb=1&xpc=0HOW1gnjfC&p=https%3A//www.net-parade.it&dtd=1536https://googleads.g.doubleclick.net/pagead/ads?client=ca-pub-9574700660092560&output=html&h=280&slotname=8275864330&adk=1090458051&adf=158926396&pi=t.ma~as.8275864330&w=336&lmt=1617444691&url=https%3A%2F%2Fwww.net-parade.it%2Fcgi-bin%2Fvotazione.aspx%3Futente%3DGianmaria67&flash=0&wgl=1&dt=1617444690523&bpp=112&bdt=464&idt=1220&shv=r20210331&cbv=r20190131&ptt=5&saldr=sa&abxe=1&cookie=ID%3D8b2f57520fd04819-22bad112f1ba0047%3AT%3D1617443642%3ART%3D1617443642%3AS%3DALNI_Ma3BMJOOqdWZuPTCwDbJyH9F57pMQ&correlator=1948134003936&frm=20&pv=2&ga_vid=64374642.1617443641&ga_sid=1617443641&ga_hid=827459955&ga_fc=1&u_tz=120&u_his=1&u_java=0&u_h=854&u_w=385&u_ah=854&u_aw=385&u_cd=24&u_nplug=0&u_nmime=0&adx=18&ady=306&biw=980&bih=1751&scr_x=0&scr_y=0&eid=31060287%2C44735931%2C44740079%2C44739387%2C21066973&oid=3&pvsid=4292599766737943&pem=33&rx=0&eae=0&fc=640&brdim=0%2C0%2C0%2C0%2C385%2C0%2C384%2C686%2C1118%2C1999&vis=1&rsz=%7C%7ClE%7C&abl=CS&pfx=0&fu=9216&bc=31&ifi=1&uci=a!1&fsb=1&xpc=OjN1C2Dzyb&p=https%3A//www.net-parade.it&dtd=1649Vuoi confermare il tuo voto per il sito indicato?
Votandolo lo aiuterai ad avere maggiore visibilità ed accessi.
Sì, confermo il voto

Leggi o scrivi sulla sua bacheca

Ecco la descrizione del sito in voto:
Libri modelle film musica cibo pittura diritti umani

Ricevi ogni giorno i Siti Interessanti scelti da Net-Parade nella tua casella di posta: IscrivitiCliccando su iscriviti accetti i termini.
Scopri altri siti della categoria BLOGRendi Net-Parade la tua pagina inizialeAccedi alla Classifica Generale

Caricamento

https://googleads.g.doubleclick.net/pagead/ads?client=ca-pub-9574700660092560&output=html&h=15&slotname=9612996732&adk=2669055511&adf=496198643&pi=t.ma~as.9612996732&w=728&lmt=1617444692&url=https%3A%2F%2Fwww.net-parade.it%2Fcgi-bin%2Fvotazione.aspx%3Futente%3DGianmaria67&flash=0&wgl=1&dt=1617444690736&bpp=30&bdt=677&idt=1548&shv=r20210331&cbv=r20190131&ptt=5&saldr=sa&abxe=1&cookie=ID%3D8b2f57520fd04819-22bad112f1ba0047%3AT%3D1617443642%3ART%3D1617443642%3AS%3DALNI_Ma3BMJOOqdWZuPTCwDbJyH9F57pMQ&prev_slotnames=8275864330&correlator=1948134003936&frm=20&pv=1&ga_vid=64374642.1617443641&ga_sid=1617443641&ga_hid=827459955&ga_fc=1&u_tz=120&u_his=1&u_java=0&u_h=854&u_w=385&u_ah=854&u_aw=385&u_cd=24&u_nplug=0&u_nmime=0&adx=45&ady=694&biw=980&bih=1751&scr_x=0&scr_y=0&eid=31060287%2C44735931%2C44740079%2C44739387%2C21066973&oid=3&pvsid=4292599766737943&pem=33&rx=0&eae=0&fc=640&brdim=0%2C0%2C0%2C0%2C385%2C0%2C384%2C686%2C1118%2C1999&vis=1&rsz=d%7C%7CoeE%7C&abl=CS&pfx=0&fu=9216&bc=31&ifi=2&uci=a!2&fsb=1&xpc=VjR94MbXrc&p=https%3A//www.net-parade.it&dtd=1722https://googleads.g.doubleclick.net/pagead/ads?client=ca-pub-9574700660092560&output=html&h=600&twa=1&slotname=1782009555&adk=3345504184&adf=1894150638&pi=t.ma~as.1782009555&w=162&fwrn=4&fwrnh=100&lmt=1617444692&format=162×600&url=https%3A%2F%2Fwww.net-parade.it%2Fcgi-bin%2Fvotazione.aspx%3Futente%3DGianmaria67&flash=0&fwr=0&rh=600&rw=162&wgl=1&dt=1617444690820&bpp=19&bdt=761&idt=1674&shv=r20210331&cbv=r20190131&ptt=5&saldr=sa&abxe=1&cookie=ID%3D8b2f57520fd04819-22bad112f1ba0047%3AT%3D1617443642%3ART%3D1617443642%3AS%3DALNI_Ma3BMJOOqdWZuPTCwDbJyH9F57pMQ&prev_slotnames=8275864330%2C9612996732&correlator=1948134003936&frm=20&pv=1&ga_vid=64374642.1617443641&ga_sid=1617443641&ga_hid=827459955&ga_fc=1&u_tz=120&u_his=1&u_java=0&u_h=854&u_w=385&u_ah=854&u_aw=385&u_cd=24&u_nplug=0&u_nmime=0&adx=818&ady=166&biw=980&bih=1751&scr_x=0&scr_y=0&eid=31060287%2C44735931%2C44740079%2C44739387%2C21066973&oid=3&pvsid=4292599766737943&pem=33&rx=0&eae=0&fc=640&brdim=0%2C0%2C0%2C0%2C385%2C0%2C384%2C686%2C1118%2C1999&vis=1&rsz=d%7C%7CEe%7C&abl=CS&pfx=0&fu=9216&bc=31&ifi=3&uci=a!3&fsb=1&xpc=8u0gNMTQwK&p=https%3A//www.net-parade.it&dtd=1837Home |  FAQ |  Siti Migliori |  Risorse |  Contatti |  Come farti votare |  Votazioni su Facebook |  Scambio Banner |  Directory |  Newsletter |  Cookies |  lIl portale dell’automobilista |  Whatsapp Web come usarlo al meglioCopyright 2000-2021 Net-Parade.it – PI 02519930412    Iscrivi il tuo sito internet, blog o forumCodice fiscaleMy Download PlanetMP3 Cover DownloaderSensori

    https://s7.addthis.com/static/sh.f48a1a04fe8dbf021b4cda1d.html#rand=0.4969753462147801&iit=1617444691596&tmr=load%3D1617444690908%26core%3D1617444691098%26main%3D1617444691538%26ifr%3D1617444691641&cb=0&cdn=0&md=2&kw=&ab=-&dh=www.net-parade.it&dr=&du=https%3A%2F%2Fwww.net-parade.it%2Fcgi-bin%2Fvotazione.aspx%3Futente%3DGianmaria67&href=https%3A%2F%2Fwww.net-parade.it%2Fcgi-bin%2Fvotazione.aspx&dt=Votazione%20per%20il%20sito%20www.gianmariasemprini.wordpress.com&dbg=0&cap=tc%3D0%26ab%3D0&inst=1&jsl=33&prod=undefined&lng=it&ogt=&pc=men&pub=ra-4e7713fa30a10067&ssl=1&sid=60683f52984eb46e&srf=0.01&ver=300&xck=0&xtr=0&og=&csi=undefined&rev=v8.28.8-wp&ct=1&xld=1&xd=1   https://accounts.google.com/o/oauth2/postmessageRelay?parent=https%3A%2F%2Fwww.net-parade.it&jsh=m%3B%2F_%2Fscs%2Fapps-static%2F_%2Fjs%2Fk%3Doz.gapi.it.IzxgiFc4rxw.O%2Fam%3DAQ%2Fd%3D1%2Fct%3Dzgms%2Frs%3DAGLTcCNNJHHpe8x_PiTpD-oHrGyDVvtY_A%2Fm%3D__features__#rpctoken=793829628&forcesecure=1

“Aldo Moro, l’uomo che doveva morire”

Aldo Moro

Aldo Moro 1969.jpg

Aldo Moro nel 1969


Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica ItalianaDurata mandato4 dicembre 1963 –
24 giugno 1968Capo di StatoAntonio Segni
Giuseppe SaragatVice presidentePietro NenniPredecessoreGiovanni LeoneSuccessoreGiovanni Leone


Durata mandato23 novembre 1974 –
29 luglio 1976Capo di StatoGiovanni LeoneVice presidenteUgo La MalfaPredecessoreMariano RumorSuccessoreGiulio Andreotti


Presidente del Consiglio europeoDurata mandato1º luglio 1975 –
31 dicembre 1975PredecessoreLiam CosgraveSuccessoreGaston Thorn


Ministro degli affari esteriDurata mandato5 agosto 1969 –
29 luglio 1972PresidenteMariano Rumor
Emilio Colombo
Giulio AndreottiPredecessorePietro NenniSuccessoreGiuseppe Medici


Durata mandato7 luglio 1973 –
23 novembre 1974PresidenteMariano RumorPredecessoreGiuseppe MediciSuccessoreMariano Rumor


Ministro della pubblica istruzioneDurata mandato1 maggio 1957 –
15 febbraio 1959PresidenteAdone Zoli
Amintore FanfaniPredecessorePaolo RossiSuccessoreGiuseppe Medici


Ministro della giustiziaDurata mandato6 luglio 1955 –
19 maggio 1957PresidenteAntonio SegniPredecessoreMichele De PietroSuccessoreGuido Gonella


Presidente del Consiglio Nazionale della Democrazia CristianaDurata mandato14 ottobre 1976 –
9 maggio 1978PredecessoreAmintore FanfaniSuccessoreFlaminio Piccoli


Segretario della Democrazia CristianaDurata mandato16 marzo 1959 –
27 gennaio 1964PredecessoreAmintore FanfaniSuccessoreMariano Rumor


Deputato della Repubblica ItalianaDurata mandato25 giugno 1946 –
9 maggio 1978LegislatureACIIIIIIIVVVIVIIGruppo
parlamentareDCCircoscrizioneBariIncarichi parlamentari

  • Segretario della Commissione Speciale per l’esame del disegno di legge sulle nuove formule di giuramento dal 10 dicembre 1946 al 31 gennaio 1948
  • Commissione per la Costituzione dal 19 luglio 1946 al 31 gennaio 1948
  • 1ª Sottocommissione dal 19 luglio 1946 al 31 gennaio 1948
  • Comitato di Redazione dal 19 luglio 1946 al 31 gennaio 1948
  • Commissione Parlamentare per la vigilanza sulle radiodiffusioni dal 7 luglio 1947 al 31 gennaio 1948
  • Componente della Giunta per il Regolamento dall’8 maggio 1948 al 27 maggio 1948, dal 6 agosto 1951 al 24 giugno 1953 e dal 26 giugno 1953 al 6 luglio 1955
  • Componente della 2ª Commissione (Affari Esterni) dall’11 giugno 1948 al 24 giugno 1953 e dal 1º luglio 1953 al 6 luglio 1955
  • Componente della 6ª Commissione (Istruzione e Belle Arti) dal 29 gennaio 1950 al 24 giugno 1953 e dal 1º luglio 1953 al 6 luglio 1955
  • Componente della Commissione Speciale per l’esame dei provvedimenti relativi alla Corte Costituzionale (n. 469 e 1292) dal 25 settembre 1952 al 18 dicembre 1952
  • Componente della Giunta per i trattati di commercio e la legislazione doganale dal 27 luglio 1951 al 1º luglio 1952
  • Componente della 1ª Commissione (Affari Costituzionali) dal 1º luglio 1959 al 30 giugno 1962
  • Componente della 4ª Commissione (Giustizia) dal 12 giugno 1958 al 30 giugno 1959, dal 1º luglio 1962 al 15 maggio 1963 e dal 1º luglio 1963 al 4 dicembre 1963
  • Componente della 8ª Commissione (Istruzione e Belle Arti) dal 10 luglio 1968 al 24 maggio 1972
  • Componente della 3ª Commissione (Affari Esteri) dal 25 maggio 1972 al 4 luglio 1976 e dal 5 luglio 1976 al 9 maggio 1978
  • Presidente della 3ª Commissione (Affari Esteri) dall’11 luglio 1972 al 7 luglio 1973

Sito istituzionale


Dati generaliPartito politicoDemocrazia CristianaTitolo di studioLaurea in giurisprudenzaUniversitàUniversità degli studi di BariProfessioneDocente universitarioFirma

Aldo Romeo Luigi Moro (Maglie23 settembre 1916 – Roma9 maggio 1978) è stato un politicoaccademico e giurista italiano.

Tra i fondatori della Democrazia Cristiana e suo rappresentante alla Costituente, ne divenne prima segretario (1959) e poi presidente (1976) e fu più volte ministro. Cinque volte Presidente del Consiglio dei ministri, guidò governi di centro-sinistra (1963-68) promuovendo nel periodo 1974-76 la cosiddetta strategia dell’attenzione verso il Partito Comunista Italiano attraverso il cosiddetto compromesso storico[1]Fu rapito il 16 marzo 1978 e assassinato il 9 maggio successivo dalle Brigate Rosse[1]. È uno dei quattro Presidenti del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana ad aver ricoperto questa carica per un periodo cumulativo maggiore di cinque anni.

Amici a cui piace città di Riccione, è un gruppo che ho creato io su Facebook di fotografie riguardanti la città in cui vivo. Ecco l’ invito

https://www.facebook.com/groups/691848264299767/?ref=share

Per votare il mio sito bisogna avere un web site e vi consiglio siccome è gratuito www.wordpress.com ma l’ iscrizione alla new slettetter nel circuito word è premium a pagamento, oppure www.wix.com registrandosi nel sito www.NetParade.it

www.gianmariasemprini.wordpress.com

“Zeppole fritte di San Giuseppe svelati tutti i segreti #simoneespositopasticciere#zeppolefritte” su YouTube

Fotografia offerta da Dora Martini

Barry White

ACCEDINuovi consigli

PROSSIMI BRANITESTOOne ticket, please Lord have mercy, everybody’s there Hey, what’s goin’ on man, yeah She’s at home, yeah, she’s at home Yeah, she’s at home Let the music play I just want to dance the night away Here, right here, right here is where I’m gonna stay All night long, oh, oh, oh, oh, oh, wee Let the music play on Just until I feel this misery is gone Movin’, kickin’, groovin’, keep the music strong On and on and on and on and on and on and on And on and on and on and on and on and on and on I’m out here dancin’ and still, huh I can’t erase the things I feel The tender love we used to share See, it’s like it’s no longer there I’ve got to hide what’s killin’ me inside Let the music play I just want to dance the night away Here, right here, right here is where I’m gonna stay All night long, oh, oh, oh, oh Let the music play on Just until I feel this misery is gone Movin’, kickin’, groovin’, keep the music strong Let it play on On and on and on and on and on and on and on And on and on and on and on and on and on and on I think im gonna be alright, haha haha If I can make it through the night oh lord I just wish she was here with me, i close my eyes, her face i see I know its make-believe, but its holding on for me Let the music play I just want to dance the night away Here, right here, right here is where I’m gonna stay All night long, oh, oh, oh, oh, oh, wee Let the music play on Just until I feel this misery is gone Movin’, kickin’, groovin’, keep the music strong Let it play on Let it play on Let it play on Please let it play on Let it play onFonte: LyricFind

Nuovo plugin

Gentili follower, per darvi la possibilità di commentare anche attraverso Messenger di Facebook dovrei passare ad un piano Premium cioè a pagamento, cosa che non voglio fare. Tuttavia se qualcuno mi aiuta scrivo qui con copia-incolla il CODE che ho trovato proprio su Messenger, nella speranza che il Plugin venga passato nel futuro – me lo tengo come appunto, inoltre -, gratis

  <div id="fb-root"></div>
  <script>
    window.fbAsyncInit = function() {
      FB.init({
        xfbml            : true,
        version          : 'v10.0'
      });
    };

    (function(d, s, id) {
    var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0];
    if (d.getElementById(id)) return;
    js = d.createElement(s); js.id = id;
    js.src = 'https://connect.facebook.net/en_US/sdk/xfbml.customerchat.js';
    fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);
  }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));</script>

  <!-- Your Chat Plugin code -->
  <div class="fb-customerchat"
    attribution="setup_tool"
    page_id="296963070792620">
  </div>

Cuore di De Amicis

Il libro Cuore di Edmondo De Amicis rappresenta, in particolare per coloro che sono negli …anta, il romanzo di formazione tra i più famosi e funzionali.

Purtroppo, come accaduto per altri classici quali i Promessi Sposi e Pinocchio, il fatto di essere stato una lettura quasi obbligata nel corso della formazione scolastica non ha nè contribuito alla sua completa comprensione nè, salvo eccezioni, si è potuto giovare di una rilettura “adulta” risultando confinato, per lo più, ad uggiosa reminiscenza scolastica.

In realtà ragione di riflessione quel testo ancora oggi ne offre molta. Vediamo di analizzarla.

Il libro viene scritto nell’anno 1886 e quindi in un periodo tra i più complessi della nostra storia a ridosso del Risorgimento e soprattutto dell’Italia post unitaria unificata dal Regno Sabaudo.

Il testo viene commissionato direttamente dal governo (i cui Parlamentari erano cooptati per classe e per censo tra la nobiltà di nascita o acquisita) alle prese con la gravissima situazione strutturale di un Regno formalmente unificato nella monarchia sabauda ma sostanzialmente non amalgamato nelle sue componenti originarie (basti pensare agli effetti territoriali duraturi del Reame Borbonico).

La scelta di De Amicis fortunato autore di romanzi “d’appendice” di vocazione socialista con un forte radicamento sulla realtà degli ultimi (classi subalterne ed impiegati) non fu certo unanime.

Come furono oggetto di grandi discussioni sia l’entità del compenso richiesto dall’autore sia la natura “rivoluzionaria” dell’impianto letterario.

Siamo in pieno Ottocento quando, salvo importantissime eccezioni soprattutto d’oltralpe, gli eroi o le eroine dei libri e dei romanzi sono per lo più re, regine, principi, duchi, contesse, baroni e marchesi e, ove non lo siano all’inizio del libro, attraverso un procedimento di agnizione, si verrà comunque a scoprire che sono comunque, al peggio, figli naturali dei suddetti titolati.

De Amicis, con un’intuizione folgorante, scuote la scena strutturandola dal punto di vista oggettivo in un luogo assolutamente inedito (la Scuola) e dal punto di vista soggettivo rendendo protagonisti due “eroi borghesi”: la Maestrina dalla penna rossa ed il Preside.

De Amicis ebbe lo straordinario merito di comprendere che l’elemento fondante del nuovo regno sabaudo esteso all’intera Italia avrebbe dovuto necessariamente strutturarsi nel pubblico insegnamento, nella scuola pubblica. E che i veri soldati dell’unificazione non sarebbero stati gli armigeri bensì i Maestri.

Impossibilitato ad avere un “modello ideale di italiano”, al di là da venire, De Amicis ebbe inoltre la straordinaria idea di esaltare virtù (vere o presunte) delle singole regioni componenti il regno per elevarle, con una transizione di fase più emotiva che letteraria, ad unità ideale di sintesi.

Così il Tamburino è sardo, la Vedetta è lombarda e via descrivendo per far sì che le realtà territoriali regionali non sentissero il peso della annessione militare in favore di un “orgoglio nazionale” unitario retto da vincoli di terra, sangue e diritto.

Nè manca, con spirito anticipatore, di descrivere il complesso mondo dell’emigrazione in una sorta di “globalizzazione ante litteram” dagli Appennini alle Ande.

Nonostante il titolo il libro è una straordinaria operazione di “marketing” politico perseguito con intelligenza da una classe politica cui tutto poteva venir rimproverato tranne che la cultura.

Classe politica che seppe capire l’importanza della sfera “pubblica” quale elemento di coesione e di appartenenza in superamento degli individualismi personali e locali.

Certo non si può chiedere a De Amicis di essere Marx (e non lo era) nè di essere Bakunin (e non lo era).

Ma non si può non notare, tralasciando per un momento la fotografia di una struttura sociale sostanzialmente statica, il rilievo dato alla funzione del pubblico, nella specie della scuola pubblica, alla formazione di un comune sentire che sarebbe poi diventato un sentire di patria.

Rivedere oggi, nel mezzo di un’emergenza epidemica ed economica senza precedenti, ad oltre 150 anni da allora la dissoluzione del sentire in senso unitario il Paese e lo Stato attraverso le voci, disarmoniche, delle singole regioni fa capire molto di noi e dell’Italia.

Dopo il libro Cuore ci fu la grande guerra, ci fu Caporetto ma ci fu anche Vittorio Veneto. Ma ci fu soprattutto uno straordinario comune sentire.

E forse un sottile filo conduttore lega il patriottismo, un po’ ingenuo e senza malizia, di Cuore a quello che portò poi a Vittorio Veneto.

Nel famoso discorso della vittoria del Generale Diaz un passaggio, ancora oggi, risuona emblematico “…l’Esercito Italiano inferiore per uomini e mezzi…” ecco siamo stati veramente inferiori per uomini e mezzi allora come oggi. Allora vincemmo.

La storia dell’ acqua di Massimo Lazzari

Nessun prodotto nel carrello.CARRELLOCercaMenu

La Storia dell’Acqua: tutta la storia di Aid4Mada in un libro

Per iniziare a fare un po’ di spoiler abbiamo chiesto a Massimo di anticiparci alcune curiosità.

Perchè ho deciso di scrivere un libro sulla storia dell’associazione?

Ricordo molto bene il giorno in cui ho avuto questa idea.

Era la fine di settembre del 2018. Da circa un anno facevo parte del consiglio direttivo e da meno di un mese avevamo lanciato il brand Aid4Mada per comunicare un cambiamento radicale rispetto al passato dell’associazione.

Stavo partecipando a un corso sul Digital Marketing per il No Profit, e uno dei formatori disse una frase che accese una lampadina nella mia testa:

Quello che scrivete sui social network dura al massimo qualche giorno. Quello che scrivete sul sito web può durare anni.

Completai immediatamente questa frase con un’illuminazione.

Quello che scrivete in un libro può durare per sempre!

Scrivere è sempre stata la mia passione. Per un certo periodo della mia vita ho anche pensato, o meglio sperato, che potesse diventare un mestiere. In quel momento capii che poteva diventare una missione.

Avrei scritto un libro per raccontare tutta la storia di Aid4Mada, con la finalità di comunicare al maggior numero di persone possibile il nostro messaggio, il nostro impegno, il cambiamento che stavamo realizzando per la popolazione del Madagascar.

Perchè ho scelto questo titolo?

Da qualche mese avevamo avviato l’ambizioso progetto L’Acqua è Vita, per portare acqua potabile a migliaia di persone di Tulear.

Proprio in quei giorni stavamo completando la costruzione dei nostri primi 10 pozzi, che sarebbero stati poi consegnati alla popolazione nel mese di novembre.

L’Acqua quindi era al centro del nostro lavoro, ed era il tema che più di ogni altro stava segnando il forte cambiamento rispetto agli anni precedenti.

Inoltre, avevo da poco letto un libro di Maja Lunde dal titolo La Storia dell’Acqua. Una climate fiction, ovvero un romanzo ispirato ai cambiamenti climatici, in cui l’autrice descriveva un futuro distopico in cui in tutto il mondo mancava l’acqua potabile, a causa degli errori fatti in passato.

Appena decisi di scrivere il libro sapevo già che titolo dargli. Avrei scritto la mia Storia dell’Acqua, in cui avrei raccontato invece un mondo in cui agli errori dell’umanità si poteva rimediare con l’azione dei singoli, un mondo in cui anche gli ultimi avrebbero potuto avere l’acqua potabile.

Perchè ci ho messo più di due anni a scriverlo?

I miei libri precedenti li avevo sempre scritti di getto in pochi mesi, cavalcando il flusso dell’ispirazione narrativa. Per La Storia dell’Acqua decisi di fare un esperimento di scrittura, anche perchè sarebbe stato un libro molto diverso dagli altri.

Scrissi un capitolo ogni mese, e lo inviai in esclusiva ai membri della community di Aid4Mada via mail. Per 27 mesiquindi, da ottobre 2018 a dicembre 2020, i nostri iscritti hanno ricevuto ogni mese una “puntata” della storia.

Poi verso la fine dell’anno scorso ho capito che ero pronto per scrivere il finale, e per trasformare questo esperimento narrativo in un libro.

Mi sono preso qualche settimana per editare il tutto e ora finalmente siamo pronti per la pubblicazione.

Quando sarà pubblicato il libro?

Ho deciso di far uscire il libro il 22 marzo 2021, in occasione del World Water Day, la Giornata Mondiale dell’Acqua.

Come per La Fine della Terra, ho deciso però di dare l’opportunità ai membri della nostra community di leggerlo in anteprima, partecipando alla prevendita che sarà attiva dal 14 al 28 febbraio.

Anche in questo caso le date non sono state scelte a caso. Il 14 febbraio 2018infatti inaugurammo il nostro primo pozzo, quello costruito all’interno del villaggio scolastico in cui operavamo in passato, e che di fatto ha dato il via al progetto L’Acqua è Vita.

Cosa ho provato mentre scrivevo il libro?

La storia di Aid4Mada è anche la mia storia, perlomeno per quanto riguarda gli ultimi 4 anni. Quindi si può dire che questo sia il mio primo libro autobiografico (anche La Fine della Terra lo è, ma l’ho iniziato a scrivere dopo).

Per questa ragione per me è stato molto emozionante ripercorrere alcune tappe fondamentali per la mia vita, e dare a questo bellissimo percorso che sto facendo dal 2017 una forma narrativa.

Certo, ci sono stati passaggi non facili da scrivere, come quelli in cui racconto gli eventi dell’estate 2018 che hanno portato alla separazione della nostra associazione da quella con cui avevamo lavorato fino a quel momento.

E anche passaggi emozionanti, che mi hanno commosso come nel momento in cui li avevo vissuti: il successo della nostra prima grande raccolta fondi; la morte di mia nonna e la decisione di dedicarle uno dei nostri pozzi; la consegna alla popolazione dei nostri primi 10 pozzi.

La Storia dell’Acqua non è stata una storia facile, nè da realizzare nè da scrivere.

Ma è la nostra storia. Una storia vera e sincera.

Come useremo i fondi raccolti attraverso le vendite del libro?

Da quando ho conosciuto Aid4Mada, e quindi da fine 2016, tutti i proventi dei miei libri sono sempre stati devoluti interamente al sostegno dei nostri progetti.

Con Quando guardo verso Ovest ho dato una mano a sostenere il progetto scolastico che gestivamo in quel periodo. Con le vendite de Il libro perfetto siamo riusciti a coprire parte delle spese per l’avvio di una nuova classe di oltre 20 bambini. I proventi de La Fine della Terra sono stati utilizzati per finanziare la costruzione della Serra Idroponica (che abbiamo dovuto rimandare alla prossima estate).

La Storia dell’Acqua ho deciso di legarla al nostro nuovo progetto La Casa del Miele, l’orfanotrofio che stiamo costruendo a Tulear. E in particolare tutti i fondi che riusciremo a raccogliere con le vendite del libro verranno utilizzati per la costruzione di una casetta, che accoglierà 3 bimbi orfani e una ragazza madre. Una casetta che sarà intitolata all’altra mia nonna, che purtroppo se ne è andata il mese scorso. Ma la cui memoria in questo modo sopravvivrà non solo nel mio cuore, ma anche nella vita di alcune persone che oggi non hanno una casa, una famiglia, un futuro. E che grazie a lei domani potranno avere tutte queste cose.

Quindi cosa devi fare per aiutarmi a realizzare questo sogno?

Basta pochissimo!

Iscriviti alla nostra community seguici sui social, così il 14 febbraio appena apriremo le prevendite del libro potrai acquistarlo e leggerlo prima di tutti.

Non ti dico altro perchè ho già spoilerato abbastanza, ma anche perchè se deciderai di leggere il libro scoprirai da solo come puoi aiutarci a realizzare il cambiamento che stiamo portando avanti per il Madagascar

Sinisa Mihajlovic con Andrea Di Caro in La partita della vita l’autobiografia

«Sono sempre stato un uomo difficile, che si esaltava negli scontri. Ma con certi avversari la battaglia è più dura.» A luglio del 2019 Siniša Mihajlovic´ scopre di avere la leucemia e comincia la sua lotta in ospedale: tre ricoveri e un trapianto. Ma un mese dopo è di nuovo, coraggiosamente, in panchina. L’allenatore del Bologna è fatto così, mette sempre tutto se stesso in ogni cosa che fa: «Ho affrontato ogni partita come fosse la vita e la vita come fosse una partita». E in queste pagine si racconta per la prima volta senza reticenze al vicedirettore della «Gazzetta dello Sport» Andrea Di Caro ripercorrendo le tappe di una vita.

Nato a Vukovar da madre croata e padre serbo, diventa calciatore e milita nella Stella Rossa di Belgrado con cui vince ventenne una Coppa dei Campioni, distinguendosi per un sinistro micidiale sui calci piazzati. Sono anche gli anni dell’inizio delle guerre balcaniche, degli orrori e del dolore vissuti in prima persona. Dal 1992 comincia la carriera italiana – con Roma, Sampdoria, Lazio e Inter – che lo porta a vincere due scudetti, quattro Coppe Italia e quattro trofei europei. Nel 2006 si ritira e inizia la carriera di allenatore all’Inter come vice di Roberto Mancini. Proseguendo poi con Bologna, Catania, Fiorentina, Nazionale serba, Sampdoria, Milan, Torino e di nuovo Bologna.

Un racconto lungo trent’anni e ricco di aneddoti, personaggi, successi, fallimenti, polemiche, rivelazioni, partite oscure, gioie e drammi personali che scorrono in queste pagine tra sport, famiglia, politica e amicizie pericolose come quella con il criminale serbo Arkan. Con un filo conduttore che è stato sempre la sua forza: l’attaccamento ai valori, ma anche il coraggio di cambiare e di riscoprire una vita diversa dopo ogni battaglia.

Alter Ego Droga e cervello

“Alter Ego” di Stefano Canali

Ricercatore dell’Area Neuroscienze e del Laboratorio Interdisciplinare della Scuola Internazionale di Studi Superiori Avanzati, dove dirige la Scuola di Neuroetica. E’ presidente del Comitato Scientifico della Società Italiana Tossicodipendenze e redattore della rivista Medicina delle Tossicodipendenze – Italian Journal of Addiction. E’ autore di circa un centinaio di pubblicazioni sul tema delle sostanze e delle dipendenze e del blog Psicoattivo

http://www.edscuola.it/archivio/handicap/droga06.html

Alla scoperta delle emozioni con il neuroscienziato Stefano Canali – giovedi’ 4 ottobre parte all’IRSE “Affascinati dal cervello” 2018

Affascinati dal cervello
11^ edizione
Pordenone, 4/25 ottobre 2018
Auditorium Centro Culturale
Casa A. Zanussi Pordenone
AFFASCINATI DAL CERVELLO: ALLA SCOPERTA DELLE EMOZIONI CON IL NEUROSCIENZIATO STEFANO CANALI.
GIOVEDI’ 4 OTTOBRE ALLE 15.30 A CASA ZANUSSI IL PRIMO INCONTRO DEL CICLO IRSE.

Danno un senso, un valore e il giusto sapore alla percezione di noi stessi e del mondo, alle relazioni con gli altri, ai nostri obiettivi e alle nostre aspettative. Ma cosa sono esattamente le emozioni, impulsi capaci di guidare ogni giorno le nostre azioni? Come e perché condizionano le percezioni, i ricordi, i nostri giudizi, le decisioni che prendiamo, le nostre scelte morali? Una risposta a questi interrogativi arriverà con il primo incontro in cartellone a Pordenone per il ciclo “Affascinati dal cervello”, l’annuale format promosso dall’IRSE, l’Istituto Regionale di Studi Europei del Friuli Venezia Giulia a cura di Laura Zuzzi. Giovedì 4 ottobre, alle 15.30, nell’Auditorium Centro Culturale Casa A. Zanussi Pordenone (via Concordia 7) appuntamento con il neuroscienziato, Stefano Canali, ricercatore del Laboratorio Interdisciplinare della Scuola Internazionale di Studi Superiori Avanzati SISSA, di Trieste. Sarà lui a guidarci nella prima tappa – con ingresso aperto alla città – fra scienza e cultura, sul filo rosso 2018 che indaga “Il cervello e le emozioni, tra adattamenti e malattia”. «Senza emozioni – spiega Canali – tutto ci apparirebbe indifferente, remoto, privo di significato. Ma cosa sono realmente le emozioni? Sono espressioni biologiche, funzioni innate determinate dai nostri geni oppure reazioni apprese, modellate dalla cultura e dalle nostre esperienze? Spesso – prosegue Canali – le emozioni si impongono sulla ragione, sfuggono al controllo della volontà. La loro espressione nel volto e nel corpo degli altri ci racconta così tanto della loro vita interiore e di frequente non riusciamo a nasconderle o a dissimularle. Ma in che modo il cervello coordina e modula le molte facce delle emozioni? L’incontro cercherà di dimostrare che la risposta a queste diverse domande passa in realtà attraverso una comune spiegazione. Un’interpretazione storico-evoluzionistica, compresa tra biologia, neuroscienze, arte, filosofia e politica. In effetti, e lo vediamo chiaramente oggi, pur dipendendo dal cervello e pur essendo vissute soggettivamente, le emozioni sono molto di più che un processo biologico o un fatto individuale. Il loro senso è nella società e la civiltà stessa si poggia sulle emozioni, sulla loro comunicazione e sul loro controllo. Se pensiamo alla giustizia, alla fiducia, alla lealtà, all’uguaglianza, al rispetto, all’onestà, ci riferiamo fondamentalmente all’imperfetta democrazia delle emozioni che gli uomini stanno tentando con fatica di costruire nel corso della storia. Così, per migliorare la qualità della nostra vita e delle sofferenti democrazie politiche contemporanee, servono oggi, e con urgenza, una più compiuta comprensione delle emozioni e una vera democrazia dei processi emotivi». Si prosegue giovedì 11 ottobre con Michela Balconi, docente di neuropsicologia e neuroscienze cognitive: approfondiremo nuovi metodi per l’analisi e la comprensione della relazione tra processi affettivi e indici fisiologici, con applicazioni a casi clinici e contesti sperimentali. Siamo “solo” infelici e tristi o malati di depressione? Ne tratterà, giovedì 25 ottobre, il biologo e psicologo Tullio Giraldi, Quanto il disagio individuale è costituito da difficoltà di adattamento ad eventi della vita e da emozioni e sentimenti che non costituiscono una malattia, per i quali l’esclusiva prescrizione di psicofarmaci può essere una risposta inappropriata.
Stefano Canali è coordinatore del comitato scientifico della Società Italiana Tossicodipendenze. Cofondatore della Società Italiana di Neuroetica e Filosofia delle neuroscienze. Condirettore della collana MeFiSto – Medicina, Filosofia e Storia ETS editore Pisa. Editor della rivista Medicina & Storia e di Medicina delle Dipendenze – Italian Journal of Addiction. Più volte Fellow presso il Centre for the History of Medicine, University College London. Autore di numerosi articoli e monografie sulla storia delle neuroscienze e la filosofia delle scienze mediche, in particolare sul tema delle dipendenze e per il quale ha realizzato anche mostre e documentari tradotti in più lingue. Su etica e politica delle dipendenze ha scritto per Le Scienze, Mente & Cervello, Sapere, Prometeo. Cura il sito http://www.psicoattivo.com di informazione scientifica sulle dipendenze.
Info IRSE – Istituto Regionale di Studi Europei del Friuli Venezia Giulia tel 0434 365326

http://www.centroculturapordenone.it/irse

Reazioni emotive al Covid-19 e aumento del consumo di alcol e droghe

By Stefano Canali | 5 Febbraio 2021

Walter Gramatté, Bevitore, 1922 (particolare)

Un numero sempre più cospicuo di ricerche sta dimostrando che c’è stato un aumento sostanziale nell’uso e nell’abuso di sostanze psicoattive, alcol, tabacco, droghe illegali durante la pandemia di COVID-19, e che i consumatori descrivono l’uso/abuso di sostanze come un modo, seppur problematico e potenzialmente patogeno, di far fronte all’ansia riguardante COVID-19 (Rodriguez et al., 2020). Diverse ricerche indicano aumenti sostanziali nel consumo di alcol (10-23%), cannabis (6-8%), altre droghe (3%) (Ipsos, 2020a,b,c; Morning Consult, 2020; Rotermann, 2020).

Le indagini empiriche hanno identificato due tipi estremi di reazioni emotive e comportamentali alla pandemia COVID-19 (Taylor et al., 2020a,b,c). Un tipo estremo è quello in cui le persone hanno reagito con elevati livelli di ansia o angoscia, un altro tipo è quello delle persone con comportamenti di disinteresse e negazionismo. Entrambe queste reazioni sono accompagnate da un aumento del consumo di alcol e droghe.

Sindrome da stress traumatico da Covid-19

L’ansia per il COVID-19 è più di una semplice preoccupazione per l’infezione. La ricerca scientifica sembra fornire prove che questa sia una sindrome da stress, una condizione disturbante con una sua possibile fisionomia. La sindrome da stress da COVID-19 sembra caratterizzata da: 1) preoccupazione per i pericoli legati al COVID-19 e preoccupazione di entrare in contatto con oggetti o superfici contaminate dal coronavirus; 2) ansia per l’impatto socioeconomico personale del COVID-19; 3) preoccupazione xenofoba che gli stranieri stiano diffondendo il COVID-19; 4) sintomi di stress traumatico legati al COVID-19 (per esempio, alterazione del sonno, incubi, alterazione del comportamento alimentare, ritiro, apatia); e 5) ricerca compulsiva di informazioni legate alla COVID-19 nel tentativo di rendere i rischi più predicibili e controllabili. Questo ultimo comportamento ha un effetto paradosso perché nei cittadini l’aumento delle informazioni, dei dati sulla pandemia e le infezioni tende ad aumentare le paure, lo stress e gli elementi traumatici ad essi associati.

Sindrome da disinteresse per il Covid-19

La reazione estrema opposta a questa di tipo ansioso e traumatico è quella in cui le persone hanno risposto in modo negligente alle regole di distanziamento interpersonale, rifiutandole e trasgredendo le altre restrizioni come il lockdown, il coprifuoco serale, credendo che il pericolo del COVID-19 sia stato strumentalmente esagerato.

Secondo taluni studiosi, questa costellazione di tratti comportamentali è configurabile come una specifica “sindrome”, caratterizzata da (1) convinzione di avere una solida salute fisica contro il COVID-19, (2) convinzione che la minaccia del COVID-19 sia stata esagerata, e (3) disinteresse per la distanza sociale. Questi formerebbero anche una rete di tratti comportamentali problematici che si è proposto di chiamare “sindrome da disinteresse per il COVID-19”.

L’aumento dell’uso di alcol e droghe si ritrova in entrambe le sindromi

In questi due gruppi che hanno manifestato opposte ed estreme reazioni al Covid-19 si sono rilevati aumenti del consumo di alcol e altre sostanze psicoattive. Un recentissimo studio su un campione di oltre 3000 adulti ha provato a comprendere in che modo queste due opposte reazioni emotive alla pandemia siano correlate all’aumento del consumo di sostanze psicoattive legali e di droghe (Taylor et al, 2021).

Lo studio ha dimostrato che l’aumento dell’uso di sostanze psicoattive correla più fortemente con la sindrome da stress traumatico, tra i due tipi di sindromi descritte sopra. Questo aumento è determinato dall’uso delle sostanze psicoattive e dell’alcol per attenuare lo stress associato all’isolamento sociale, alle emozioni negative, ai forti livelli di ansia e di preoccupazioni che la pandemia ha determinato in un vasto gruppo di persone, in particolare le paure per la pericolosità del covid-19. Questo suggerirebbe di lavorare a livello pubblico con campagne informative volte a ridurre la preoccupazione per il covid, perché attenuando le emozioni negative si potrebbe ottenere una riduzione dell’abuso di sostanze psicoattive. Purtroppo in una situazione di emergenza sanitaria come questa le cose non possono essere semplici e lineari. Lo studio dimostra infatti che più basi sono i livelli di preoccupazione per il covid e maggiori sono i comportamenti di violazione delle regole per prevenire il contagio.

D’altra parte, un’altra forte correlazione con l’aumento dell’uso di alcol e sostanze psicoattive riguarda la sindrome reattiva al covid-19 opposta a quella da stress traumatico: la sindrome da disinteresse da covid-19. In questo caso lo studio ha notato che maggiore è il consumo dichiarato di sostanze psicoattive e alcol per finalità voluttuarie più elevate sono la negligenza e la negazione delle disposizioni per il distanziamento.

Questi risultati evidenziano le complessità nella gestione delle pandemie a livello di comunità. I messaggi delle autorità sanitarie che alleviano le preoccupazioni per le persone altamente ansiose potrebbero esacerbare il disinteresse per il distanziamento interpersonale e le misure di prevenzione tra le persone che vedono i rischi del COVID-19 come esagerati.

Le analisi di rete in ogni caso suggeriscono che prendere di mira sia i sintomi di stress traumatico legati al COVID-19 (per esempio, attraverso la terapia cognitivo-comportamentale) che il disinteresse per il distanziamento interpersonale e le misure di prevenzione del contagio (attraverso campagne pubbliche sui media) potrebbero avere entrambi un impatto benefico sull’abuso di sostanze legato alla COVID-19.

Stefano Canali

Riferimenti bibliografici

Ipsos (2020a). CMHO/AMHO mental health week poll. Addictions and mental health Ontario. https://amho.ca/wp-content/uploads/CMHO-AMHO-Ipsos-SLIDES_-May-6.pdf, accessed September 28, 2020.

Ipsos (2020b). US COVID-19 aggregated topline report. https://www.google.com/search?client=firefox-b-e&q=Ipsos+US+COVID19+aggregated+topline+report, accessed September 28, 2020.

Ipsos (2020c). More suffering from under exercising, anxiety than other health concerns due to COVID-19: Poll. https://www.ipsos.com/en/more-suffering-under-exercising-anxietyother-health-concerns-due-covid-19-poll, accessed September 28, 2020.

Morning Consult (2020). Cooped up at home, millennials most likely among all adults to turn to food, alcohol. https://morningconsult.com/2020/04/06/coronavirus-social-distancingmillennials-eating-drinking/, accessed September 28, 2020.

Rodriguez, L. M., Litt, D. M., & Stewart, S. H. (2020). Drinking to cope with the pandemic: The unique associations of COVID-19-related perceived threat and psychological distress to drinking behaviors in American men and women. Addictive Behaviors, 110, 106532. https://doi.org/10.1016/j.addbeh.2020.106532

Rotermann, M. (2020). Canadians who report lower self-perceived mental health during the COVID-19 pandemic more likely to report increased use of cannabis, alcohol and tobacco. Ottawa: Statistics Canada.

Taylor, S., Landry, C. A., Paluszek, M. M., & Asmundson, G. J. G. (2020a). Reactions to COVID-19: Differential predictors of distress, avoidance, and disregard for social distancing. Journal of Affective Disorders, 277, 94-98. https://doi.org/10.1016/j.jad.2020.08.002

Taylor, S., Landry, C. A., Paluszek, M. M., Fergus, T. A., McKay, D., & Asmundson, G. J. G. (2020b). Development and initial validation of the COVID Stress Scales. Journal of Anxiety Disorders, 72, 102232. https://doi.org/10.1016/j.janxdis.2020.102232

Taylor, S., Landry, C. A., Paluszek, M. M., Fergus, T. A., McKay, D., & Asmundson, G. J. G. (2020c). COVID Stress Syndrome: Concept, structure, and correlates. Depression and Anxiety, 37, 706-714. https://doi.org/10.1002/da.23071.

Taylor S, Paluszek MM, Rachor GS, McKay D, Asmundson GJG. Substance use and abuse, COVID-19-related distress, and disregard for social distancing: A network analysis. Addict Behav. 2021 Mar;114:106754. doi: 10.1016/j.addbeh.2020.106754

Sleep Away my Song

Dear followers this is my song you can find everything on the SoundCloud link written there

La casa sul fiume

Cinque sorelle bellissime e ambiziose, pronte a tutto pur di perseguire i propri sogni. Una madre amorevole che desidera il meglio per le figlie, ma in cuor suo teme di restare sola. Sei donne destinate a imboccare strade completamente diverse e a rimanere separate per troppo tempo. Un’unica certezza: la vecchia casa sul fiume, in cui ciascuna sa di poter tornare.

Myanmar

Colpo di Stato in Birmania del 2021
parte del Conflitto interno in Birmania

Aung San Suu Kyi & Min Aung Hlaing collage.jpg

Aung San Suu Kyi (a sinistra) e Min Aung Hlaing (a destra)Data1º febbraio 2021LuogoBirmaniaCausa

  • Accuse di brogli elettorali e instabilità politica tra il governo e i vertici dell’esercito

Esito

  • Destituzione e arresto del presidente Win Myint e della consigliere di Stato Aung San Suu Kyi
  • Scioglimento del parlamento
  • Dichiarazione dello stato d’emergenza per un anno

Schieramenti

Birmania
Flag of the Myanmar Armed Forces.svg

Governo della BirmaniaTatmadawComandanti

Birmania
Birmania
Flag of the Myanmar Armed Forces.svg
Flag of the Myanmar Armed Forces.svg

Min Aung Hlaing (Comandante in Capo delle Forze Armate della Birmania) Myint Swe (Vice Presidente della Birmania)Voci di colpi di Stato presenti su Wikipedia

Il colpo di Stato in Birmania del 2021 o colpo di Stato in Myanmar del 2021[1][2] è stato un colpo di Stato militare messo in atto dalle forze armate birmane la mattina del 1º febbraio 2021 per rovesciare il governo di Aung San Suu Kyi, che è stata arrestata[3][4].

AntefattiModifica

Le elezioni legislative birmane del 2020 sono vinte come le precedenti dalla Lega Nazionale per la Democrazia, guidata da Aung San Suu Kyi, mentre il Partito dell’Unione della Solidarietà e dello Sviluppo, vicino all’esercito, ha conquistato solo poche decine di seggi.

Il 26 gennaio 2021, il generale Min Aung Hlaing, capo delle forze armate, ha contestato i risultati del ballottaggio e ne ha chiesto la riverifica, altrimenti l’esercito sarebbe intervenuto per risolvere la crisi politica in corso. La commissione elettorale ha però negato queste accuse[5].

EventiModifica

Un blocco militare lungo la strada che porta all’ufficio governativo della regione di Mandalay.

Il consigliere di Stato Aung San Suu Kyi, il presidente Win Myint e altri leader del partito al governo sono stati arrestati e detenuti dal Tatmadaw, l’esercito del Myanmar. In seguito, l’esercito del Myanmar ha dichiarato lo stato di emergenza della durata di un anno e ha affermato che il potere era stato consegnato al comandante in capo delle forze armate Min Aung Hlaing[6][7][8].

In una dichiarazione televisiva, i militari hanno giustificato questo colpo di Stato con la necessità di preservare la “stabilità” dello Stato. Hanno accusato la commissione elettorale di non aver posto rimedio a “enormi irregolarità” che sarebbero avvenute, secondo loro, durante le ultime elezioni. L’esercito ha comunicato inoltre che verrà istituita una “vera democrazia multipartitica” e che il trasferimento dei poteri averrà solo dopo “lo svolgimento di elezioni generali libere ed eque”[9].

Le telecomunicazioni nel Paese hanno risentito gravemente degli eventi: le linee telefoniche nella capitale sono state tagliate,[10] la televisione pubblica ha interrotto le trasmissioni per “problemi tecnici”[11] e l’accesso a Internet è stato bloccato.[12]

ProtesteModifica

Un gruppo di circa 200 immigrati birmani e alcuni attivisti pro-democrazia thailandesi tra cui Parit Chiwarak e Panusaya Sithijirawattanakul hanno organizzato una protesta contro il colpo di Stato presso l’ambasciata birmana a Bangkok, in Thailandia. Secondo quanto riferito, alcuni manifestanti hanno mostrato il saluto con tre dita, il simbolo usato durante le proteste pro-democrazia thailandesi.[13] La protesta si è conclusa con una repressione da parte della polizia; due manifestanti sono stati feriti e ricoverati in ospedale, e altri due sono stati arrestati.[14]

Proteste a Bangkok

Anche a Tokyo, in Giappone dei cittadini birmani si sono riuniti davanti all’ufficio delle Nazioni Unite per protestare contro il colpo di Stato.[15]

Anche nei giorni successivi al golpe si sono susseguite manifestazioni pacifiche in Myanmar, che, tuttavia, sono state represse duramente dalla polizia e che hanno portato alla dichiarazione della legge marziale in buona parte del Paese.

Reazioni internazionaliModifica

Diversi paesi (tra cui India,[16] Indonesia,[17] Giappone,[18] Malaysia,[19] e Singapore)[20] hanno espresso preoccupazioni per l’evoluzione del colpo di Stato e hanno invitato il governo e l’esercito al dialogo. Australia,[21] Nuova Zelanda,[22] Turchia[23] Regno Unito,[24] e Stati Uniti[25] hanno condannato il colpo di Stato e hanno chiesto il rilascio dei detenuti; la Casa Bianca ha anche minacciato di imporre sanzioni agli autori del colpo di Stato.[26][27] CambogiaFilippine e Thailandia hanno rifiutato esplicitamente di sostenere una parte, classificando il colpo di Stato come una questione interna.[28][29][30] Il presidente degli USA Joe Biden ha condannato il colpo di Stato definendolo “un attacco diretto alla transizione del paese verso la democrazia e lo stato di diritto”.[31][32]

L’Organizzazione delle Nazioni Unite attraverso il proprio Segretario generale António Guterres, ha condannato fermamente la detenzione dei leader e ha descritto il colpo di Stato come “un grave colpo alla democrazia in Birmania” e ha aggiunto che i risultati delle elezioni generali di novembre avevano fornito un “forte mandato” alla Lega Nazionale per la Democrazia.[33][33]

Anche l’Unione europea e l’Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico hanno condannato il colpo di Stato.[34][35][36]

Note

L’ ercito del Myanmar ha preso il potere dopo aver arrestato Aung San Suu Kyi e altri leader democraticamente eletti.

Le truppe pattugliano le strade ed è in vigore il coprifuoco notturno, con lo stato di emergenza dichiarato di un anno.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sollevato la minaccia di nuove sanzioni, con l’ONU e il Regno Unito che hanno anche condannato il colpo di stato.

L’esercito sostiene che la recente schiacciante vittoria elettorale del partito della sig.ra Suu Kyi è stata viziata da una frode. Ha esortato i sostenitori a “protestare contro il colpo di stato”.

In una lettera scritta in preparazione della sua imminente detenzione, ha affermato che le azioni dei militari avrebbero riportato il paese sotto una dittatura.

L’esercito ha già annunciato la sostituzione di un certo numero di ministri.

Per le strade della città principale, Yangon (Rangoon), la gente diceva di sentire che la loro dura battaglia per la democrazia era andata persa.

Un residente di 25 anni, che ha chiesto di non essere nominato, ha detto alla BBC: “Svegliarsi per sapere che il tuo mondo è stato completamente capovolto durante la notte non era una sensazione nuova, ma una sensazione che pensavo che fossimo andati avanti da, e uno che non avrei mai pensato che saremmo stati costretti a provare di nuovo. “

Il Myanmar, noto anche come Birmania, è stato governato dalle forze armate dal 1962 al 2011, quando un nuovo governo ha iniziato a inaugurare un ritorno al governo civile


Da Velasca a te: le scarpe artigianali senza costi extra

Da Velasca a te: le scarpe artigianali senza costi extraSponsorizzato da Velasca

Automatic gunfire has been heard at a protest in northern Myanmar amid signs that the military is preparing a crackdown on opposition to the coup it carried out on 1 February.

Western embassies in Myanmar urged the military not to use violence as troops were reported on the streets of the largest city, Yangon.

Telecoms companies have been ordered to shut off the internet from 18:30 GMT.

The US advised its citizens in Myanmar to “shelter in place”.

Meanwhile, a statement signed by the European Union, United States and Britain said: “We call on security forces to refrain from violence against demonstrators, who are protesting the overthrow of their legitimate government.”https://d-28824907723572462810.ampproject.net/2101300534005/frame.html

The coup in Myanmar (also known as Burma) removed the civilian government led by Aung San Suu Kyi. Her party won a resounding victory at the election in November, but the military said the vote was fraudulent.

Ms Suu Kyi is now under house arrest. Hundreds of activists and opposition leaders have been detained.

What are the signs that the military could crack down?

At a protest in Kachin state, in the north, automatic gunfire could be heard as security forces clashed with anti-coup demonstrators in the city of Myitkyina. It was not clear whether rubber bullets or live rounds were being fired.https://d-28824907723572462810.ampproject.net/2101300534005/frame.html

1px transparent line

In Yangon, there is a heavy military presence, reports the BBC’s South East Asia correspondent, Jonathan Head. Earlier on Sunday, armoured vehicles were seen on the streets for the first time since the coup.

Across the country, hundreds of thousands of protesters rallied against the military for the ninth day in a row.

Telecoms operators in Myanmar are advising their customers that they have been told to shut off internet services from 01:00 to 09:00 local time, Sunday into Monday (18:30 to 02:30 GMT).

An office of the US embassy in Yangon warned US nationals to stay indoors during curfew hours.https://d-28824907723572462810.ampproject.net/2101300534005/frame.html

1px transparent line

On Saturday, the military said arrest warrants had been issued for seven prominent opposition campaigners and warned the public not to harbour opposition activists fleeing arrest.

Video footage showed people reacting with defiance, banging pots and pans to warn their neighbours of night-time raids by the security forces.

The military on Saturday also suspended laws requiring court orders for detaining people longer than 24 hours and for searching private property.

2px presentational grey line

Myanmar – the basics

  • Myanmar, also known as Burma, was long considered a pariah state while under the rule of an oppressive military junta from 1962 to 2011
  • A gradual liberalisation began in 2010, leading to free elections in 2015 and the installation of a government led by veteran opposition leader Aung San Suu Kyi the following year
  • In 2017, Rohingya militants attacked police posts, and Myanmar’s army and local Buddhist mobs responded with a deadly crackdown, reportedly killing thousands of Rohingya and burning villages. More than half a million Rohingya fled across the border into Bangladesh, and the UN later called it a “textbook example of ethnic cleansing”
  • Aung San Suu Kyi and her government were overthrown in an army coup on 1 February following a landslide NLD win in November’s elections
2px presentational grey line

Buon San Valentino

Libro Le terre immaginate. Un atlante di viaggi letterari – Salani | LaFeltrinelli

https://www.lafeltrinelli.it/products-smartphone/9788831005937.html?awaid=9507&gclid=CjwKCAiAjp6BBhAIEiwAkO9WunuoXS6lhvwq4a4C6C_yvbvjHr3h9n57lPsBgWEZxEACLvpZWvcYmBoCWtAQAvD_BwE

India

https://www.linkedin.com/posts/gianmaria-semprini-avvocato-con-pratica-eseguita-789475179_prabhatkc-linkedinfamily-india-activity-6766204842533777408-uK9b

Il processo di Norimberga

“Freedom From Pity ( The Amalgamation Of Soundz Dub ) Jhelisa”

Per non dimenticare la strage voluta da una socialdemocrazia, semplicemente, folle….ciao a tutti i miei follower

Per non dimenticare la strage voluta da una socialdemocrazia, semplicemente, folle….ciao a tutti i miei follower

Per non dimenticare la strage voluta da una socialdemocrazia, semplicemente, folle….ciao a tutti i miei follower

Patrick Zaki

FACCIAMOCI SENTIRE: scansano.blog aderisce alla campagna di Amnesty International per la liberazione di Patrick Zaki.

📢
📢
📢

 UN ANNO SENZA PATRICK: FACCIAMOCI SENTIRE!

Chi difende i diritti umani non dovrebbe essere in carcere.

Patrick Zaki è stato arrestato solo perché attivista per i diritti umani. Una detenzione assurda, atroce, arbitraria e crudele, che farà entrare lo studente egiziano nel secondo di incarcerazione.

📢
📢
📢

 Fatti sentire: vai sull’ultimo post della pagina Facebook di:

Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale https://www.facebook.com/ItalyMFA.it/

AbdelFattah Elsisi – عبد الفتاح السيسي https://www.facebook.com/AlSisiofficial/

e scrivi:

“PATRICK LIBERO SUBITO” #freepatrickzaki #UnAnnoSenzaPatrick

Condividi:

Patrick Zaki, il rettore dell’Università di Bologna: “Non lo lasceremo solo, vogliamo che torni a studiare al più presto” – https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/02/08/patrick-zaki-il-rettore-delluniversita-di-bologna-non-lo-lasceremo-solo-vogliamo-che-torni-a-studiare-al-piu-presto/6094144/

http://www.ansa.it

Caso Zaki, altri 45 giorni di carcere http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2021/02/02/caso-zaki-altri-45-giorni-di-carcere-_0262377c-9846-4bb8-92a5-83fc1a7d0f8c.html

Massimo Gramellini Prima che tu venga al mondo Mondadori Store

https://www.mondadoristore.it/libri/Massimo-Gramellini/aut00003662/

Massimo Gramellini Prima che tu venga al mondo Mondadori Store

https://www.mondadoristore.it/libri/Massimo-Gramellini/aut00003662/

Francesca Mannocchi a Propaganda Live: l’intervista integrale sul suo ultimo libro Bianco è il colore del danno

https://www.la7.it/propagandalive/video/francesca-mannocchi-a-propaganda-live-lintervista-integrale-05-02-2021-363778

Stefano Medas Il gatto che viaggiava in vaporetto

https://g.co/kgs/Zn5Rea

Un delitto a Parigi di Blake Pierce la recensione

Quando meno te lo aspetti, Blake Pierce esce con un altro capolavoro di thriller e mistero! Questo libro è pieno di colpi di scena e il finale ci regala una rivelazione sorprendente. Immancabile nella libreria di qualsiasi lettore che ami i thriller scritti davvero bene”.

– Books and Movies Reviews (su “Quasi scomparsa”)

UN DELITTO A PARIGIè il romanzo d’esordio di una nuova e affascinante serie mystery dell’autore di best seller di USA Today, Blake Pierce, il cui bestseller numero 1 “Il Killer della Rosa” ha ricevuto 1.500 recensioni a cinque stelle.

Diana Hope, 55 anni, si sta ancora abituando alla sua recente separazione, quando scopre che il suo ex marito ha appena fatto una proposta d’amore a una donna di 30 anni più giovane. Dato che, segretamente, sperava in una riappacificazione, Diana è devastata. Si rende conto che è giunto il momento di ripensare la sua vita senza di lui, anzi, di rifarsi una nuova vita e basta.

Diana aveva trascorso gli ultimi 30 anni della sua vita nelle vesti di una moglie e una madre rispettosa e facendo carriera. Era una donna costantemente motivata, e non aveva mai dedicato troppo tempo a se stessa. Adesso era venuto il momento.

Diana non aveva mai dimenticato il suo primo ragazzo, che l’aveva pregata si seguirlo per un anno in Europa, dopo il college. Lei avrebbe tanto voluto andare, ma le era sembrata un’idea folle e romantica e un anno sabbatico, aveva pensato, le avrebbe ostacolato la carriera e il curriculum. Ma ora, le sue figlie erano cresciute, suo marito se n’era andato e la sua carriera non la soddisfaceva più, dunque Diana si è resa conto che è arrivato il momento di dedicarsi a se stessa e di prendersi quell’anno romantico in Europa che aveva sempre sognato.

Diana si prepara a intraprendere il viaggio della sua vita, pensando finalmente a ciò che desiderava fare, sperando di visitare i luoghi più belli e assaggiare i cibi più deliziosi e forse, anche, di innamorarsi di nuovo. Ma un anno in Europa potrebbe avere qualcosa di diverso in serbo per lei. Potrà Diana, con il suo carattere, imparare ad abbandonarsi, ad essere spontanea, ad abbassare la guardia e ad imparare a godersi di nuovo la vita?

In UN DELITTO A PARIGI (Libro n. 1), Diana spera di dare il via al suo viaggio e trovare un nuovo amore, trascorrendo una serata indimenticabile al ballo di Versailles. Ma quando quella drammatica serata prende una svolta straziante che non avrebbe mai potuto aspettarsi, Diana si rende conto che dovrà risolvere il crimine, altrimenti il suo viaggio finirà in un disastro.

UN ANNO IN EUROPA è un’affascinante e divertente serie di gialli, piena di cibi gustosi e di viaggi, con misteri che ti terranno con i piedi per terra e con esperienze che ti lasceranno con un senso di meraviglia. Mentre Diana si imbarca nella sua ricerca donchisciottesca di amore e soddisfazione, anche tu ti ritroverai ad innamorarti e a fare il tifo per lei. Rimarrai scioccato dai colpi di scena e le svolte che prenderà il suo viaggio, quando si troverà coinvolta in un mistero e dovrà fare la parte della detective dilettante per risolverlo. I fan di libri come “Mangia, prega, ama” e “Sotto il sole della Toscana” hanno finalmente trovato l’avvincente serie misteriosa che stavano

Rembrandr autoritratto con camicia ricamata

Dal libro relativo di Cristopher White

Apri il menu principale

Ricerca

Rembrandt

pittore e incisore olandese

Nota disambigua.svg

Rembrandt Harmenszoon van Rijn/’rɛmbrɑnt ‘hɑrmənsˌzo:n vɑn rɛɪ̯n/, meglio noto semplicemente come Rembrandt (Leida15 luglio 1606 – Amsterdam4 ottobre 1669), è stato un pittore e incisore olandese.

Autoritratto del 1640

Viene generalmente considerato uno dei più grandi pittori della storia dell’arte europea e il più importante di quella olandese. Il suo periodo di attività coincide con quello che gli storici definiscono l’età dell’oro olandese.

Dopo aver ottenuto un grande successo fin da giovane come pittore ritrattista, i suoi ultimi anni furono segnati da tragedie personali e difficoltà economiche. I suoi disegni e dipinti furono popolari già durante la sua vita, la sua reputazione rimase alta e per vent’anni fu maestro di quasi tutti i più importanti pittori olandesi. I più grandi trionfi creativi di Rembrandt sono evidenti specialmente nei ritratti dei suoi contemporanei, nei suoi autoritratti e nelle illustrazioni di scene tratte dalla Bibbia.

Sia nella pittura che nella stampa egli esibì una completa conoscenza dell’iconografia classica che modellò per adattarla alle proprie esigenze. Così, la rappresentazione di scene bibliche era costituita dalla sua conoscenza dei relativi testi, dall’influenza delle tematiche classiche e dall’osservazione della popolazione ebraica di Amsterdam. Per la sua comprensione della condizione umana, inoltre, fu definito “uno dei grandi profeti della civiltà”.

La vitaModifica

Autoritratto con berretto a bocca aperta, incisione, 1630.

Rembrandt Harmenszoon van Rijn nacque il 15 luglio 1606 a Leida nei Paesi Bassi. Era il quarto di sei figli sopravvissuti all’infanzia su dieci complessivi avuti dalla madre.[1] La sua era una famiglia benestante nonostante il padre fosse un mugnaio e la madre la figlia di un fornaio (è dimostrato dai testamenti dei genitori deceduti rispettivamente nel 1630 e nel 1640).[2] Da ragazzo frequentò la scuola di latino e si iscrisse quindi all’Università di Leida, anche se secondo un contemporaneo mostrava già un grande talento per la pittura: ben presto venne messo a bottega da uno dei pittori storici di Leida, Jacob van Swanenburgh. Dopo un breve ma importante periodo di apprendistato ad Amsterdam con il celebre pittore Pieter Lastman, Rembrandt aprì uno studio a Leida, che condivise con l’amico e collega Jan Lievens. Nel 1627 Rembrandt iniziò ad accettare a sua volta degli apprendisti, tra i quali Gerrit Dou.

Nel 1629 Rembrandt fu scoperto dallo statista e poeta Constantijn Huygens, il padre di Christiaan Huygens (un celebre matematico e fisico olandese), che gli procurò importanti commissioni da parte della corte reale dell’Aja. Grazie a questo contatto, il principe Frederik Hendrik continuò ad acquistare dipinti di Rembrandt fino al 1646.

Entro il 1631 Rembrandt si era creato una così buona reputazione da ricevere numerosi incarichi ad Amsterdam per la realizzazione di ritratti. Di conseguenza si trasferì in quella città andando ad abitare nella casa del mercante d’arte Hendrick van Uylenburgh. Questo trasferimento fu alla fine causa del suo matrimonio con la cugina di Hendrick, Saskia van Uylenburgh. Si trattò probabilmente di un matrimonio contratto sia per amore che per un avveduto calcolo economico: Saskia proveniva infatti da un’ottima famiglia e suo padre era stato avvocato e burgemeester (sindaco) di Leeuwarden. Quando Saskia, che era la sorella minore, era rimasta orfana era andata a vivere con la sorella maggiore a Het Bildt. Si sposarono nella chiesa locale, senza che i parenti fossero presenti.

Ritratto di Saskia van Uylenburgh, ca. 1635.

Nel 1639 Rembrandt e Saskia si trasferirono in una bella casa in Jodenbreestraat, nel quartiere ebraico, che è stata poi trasformata nel museo Rembrandthuis. Fu lì che Rembrandt spesso fece posare i suoi vicini ebrei per usarli come modelli per i quadri che rappresentavano scene dell’Antico Testamento.[3] Anche se le cose andavano bene sotto il profilo economico, la coppia dovette affrontare diverse difficoltà personali: loro figlio Rumbartus morì nel 1635 solo due mesi dopo la nascita e nel 1638 morì invece a solo tre settimane la figlia Cornelia. Nel 1640 anche una seconda figlia, anch’essa chiamata Cornelia, morì a neppure un mese di vita. Solo il loro quarto figlio, Titus nato nel 1641, riuscì a sopravvivere ed a raggiungere l’età adulta. Saskia morì nel 1642 poco dopo la nascita di Titus, probabilmente di tubercolosi. I disegni dell’artista che la ritraggono malata sul letto di morte sono senz’altro tra le sue opere più commoventi.

Durante la malattia di Saskia venne assunta una certa Geertje Dircx come balia di Titus ed infermiera, ed è possibile che sia diventata anche l’amante di Rembrandt. In seguito accusò il pittore di non aver mantenuto una promessa di matrimonio e Rembrandt la fece rinchiudere in un manicomio di Gouda dopo che la donna aveva tentato di vendere i gioielli appartenuti a Saskia che il pittore le aveva affidato.

Verso la fine del decennio del 1640 Rembrandt iniziò una relazione con Hendrickje Stoffels, molto più giovane di lui, che all’inizio era stata la sua domestica. Nel 1654 ebbero una figlia, Cornelia, fatto che attirò sulla testa di Hendrickje un rimprovero ufficiale della Chiesa riformata olandese perché “viveva nel peccato“. La coppia veniva considerata legalmente sposata dalla legge civile, ma in effetti Rembrandt non sposò Henrickje, per non perdere il controllo di un fondo istituito in favore di Titus per volontà della madre. Rembrandt, a differenza della compagna, non fu però convocato ad apparire davanti al consiglio della Chiesa riformata perché non ne faceva parte. Tuttavia Rembrandt era indebitato con alcuni degli anziani della chiesa e quindi ne subì comunque le indirette pressioni. Va ad onore di Henrickje che nonostante tutto si rifiutò di lasciare l’artista.

Rembrandt viveva al di sopra dei propri mezzi, comprando opere d’arte (talvolta riacquistando ad un prezzo superiore i suoi stessi lavori), stampe (spesso usate nei suoi dipinti) ed oggetti rari, abitudine che probabilmente lo condusse alla bancarotta nel 1656. Il suo stato di insolvenza fece sì che la maggior parte dei suoi dipinti e dei suoi oggetti di antiquariato finirono per essere messi all’asta. Fu costretto anche a vendere la propria casa e il suo torchio da stampa, trasferendosi in un’abitazione più modesta nella zona di Rozengracht. Lì Hendrickje e Titus fondarono una società, dando a Rembrandt un impiego e proteggendolo dai creditori. Nel 1661 fu ingaggiato per completare le decorazioni del palazzo comunale di nuova costruzione, ma morì prima di completare il lavoro.

Rembrandt sopravvisse sia a Hendrickje, morta probabilmente di peste nel 1663, che a Titus: questi si era sposato da un anno con Magdalena Van Loo, da cui aveva avuto una bambina, Titia; la stessa Magdalena morirà poco prima del pittore che morì un anno dopo il figlio, il 4 ottobre 1669 ad Amsterdam a 63 anni, e fu sepolto in una tomba anonima nella Westerkerk.

Le opereModifica

In una lettera ad un committente, Rembrandt fornisce l’unica spiegazione giunta fino a noi di quale obiettivo si proponesse di raggiungere attraverso la sua arte: “Il movimento più grande e naturale“, traduzione di “die meeste ende di naetuereelste beweechgelickheijt“. La parola beweechgelickheijt potrebbe anche significare “emozione” o “causa prima“. Se Rembrandt con questa affermazione si riferisse ad un obiettivo materiale o ad obiettivi altri e superiori è una questione ancora aperta alle interpretazioni. In ogni caso Rembrandt è riuscito a fondere gli aspetti terreni e quelli spirituali come nessun altro pittore nella cultura occidentale è riuscito a fare.[4]

Cristo nella tempesta sul mare di Galilea1633. Olio su tela.

Gli esperti dell’inizio del XX secolo sostennero che Rembrandt avesse realizzato più di 600 dipinti, quasi 400 incisioni e circa 2.000 disegni. Studiosi di epoca successiva, dagli anni sessanta ad oggi (guidati dal Rembrandt Research Project), non senza discussioni, hanno ridotto il numero delle opere sicuramente a lui attribuibili a 300 dipinti. È probabile che nel corso della sua vita abbia in effetti realizzato più di 2.000 disegni, ma quelli sopravvissuti sono meno di quanto un tempo si fosse ritenuto. Eseguì molti autoritratti, quasi un centinaio tra cui 20 incisioni. Esaminati nell’insieme ci forniscono una visione eccezionalmente chiara dell’artista, del suo aspetto fisico e – più importante – della sua evoluzione psicologica, come ci rivela il volto segnato dagli anni delle ultime opere.

Tra le più importanti caratteristiche della sua arte ci sono l’uso del chiaroscuro e il sapiente e scenografico sfruttamento della luce e delle ombre derivato da Caravaggio, ma adattato per i suoi scopi personali, l’abilità di presentare i soggetti in modo teatrale e realistico senza il rigido formalismo spesso presente negli artisti suoi contemporanei ed un’evidente e profonda compassione per l’uomo, senza preoccuparsi della sua ricchezza o età.

Inserì spesso i suoi parenti più stretti – la moglie Saskia, il figlio Titus e la seconda compagna Hendrickje – nei suoi dipinti, molti dei quali a soggetto mitologicobiblico o storico, dando le loro sembianze ai personaggi principali.

Periodi, temi, e stiliModifica

Ratto di Europa1632. Olio su tavola. L’opera è considerata «…un fulgido esempio dell’età dell’oro della pittura barocca»[5].

Durante il periodo che Rembrandt trascorse a Leida (16251631) l’influenza di Lastman su di lui fu molto evidente. I suoi dipinti sono di dimensioni piuttosto ridotte ma presentano una grande ricchezza di dettagli (ad esempio nella cura delle vesti e dei gioielli dei soggetti). Affronta principalmente temi religiosi ed allegorici. Nei suoi primi anni ad Amsterdam (16321636) iniziò a dipingere scene drammatiche tratte dalla Bibbia o dalla mitologia di grande formato e dai colori molto contrastati. Cominciò anche ad accettare di eseguire ritratti su commissione.

Verso la fine del decennio 1630 eseguì alcuni quadri e diverse stampe di argomento paesaggistico. Questi paesaggi spesso accentuavano la forza drammatica della natura, rappresentando alberi sradicati e cieli tetri e minacciosi. Dal 1640 il suo stile diventò meno esuberante ed adottò toni più sobri, come riflesso delle tragedie personali che stava vivendo. Le scene bibliche furono più frequentemente tratte dal Nuovo Testamento piuttosto che dall’Antico come invece aveva fatto fino a quel momento. Un’eccezione è rappresentata dall’enorme La ronda di notte, la sua opera di maggiori dimensioni, nonché la più vigorosa e d’impatto. I paesaggi furono sempre più spesso realizzati a stampa anziché dipinti: le oscure forze della natura cedettero il posto a tranquille scene rurali tratte dalla campagna olandese.

Nel decennio successivo lo stile di Rembrandt cambiò nuovamente: i suoi dipinti divennero di maggiori dimensioni, il colore si fece più ricco ed intenso ed i colpi di pennello più evidenti e pronunciati. Con questi cambiamenti Rembrandt prese le distanze dai suoi primi lavori e dalla moda del tempo che al contrario tendeva verso opere formalmente più curate e ricche di dettagli. Nel corso degli anni, pur continuando ad eseguire quadri ispirati a temi biblici, spostò la sua attenzione dalla scene di gruppo ad alta intensità drammatica a singole figure più delicate e simili a ritratti. Nei suoi ultimi anni Rembrandt dipinse i suoi autoritratti più riflessivi e introspettivi.

Il nome e la firmaModifica

La casa di Rembrandt ad Amsterdam, ora trasformata nel museo Rembrandthuis

Rembrandt” è una modifica fatta a posteriori del nome dell’artista che adottò a partire dal 1633. Le prime firme sui suoi lavori (1625 circa) consistevano nella sola iniziale “R“, oppure nel monogramma “RH” (che stava per Rembrant Harmenszoon, ovvero “figlio di Harmen“) e, a partire dal 1629, “RHL” (dove la “L” significava probabilmente Leida). Nel 1632 iniziò a firmare i quadri in questo modo, ma poi vi aggiunse il suo cognome ottenendo “RHL-van Rijn“: sostituì però questo tipo di firma nello stesso anno ed iniziò ad usare il suo nome scritto nella forma originaria, “Rembrant“. Nel 1633 aggiunse una “d“, e da allora mantenne questa forma, dimostrando così che quel piccolo cambiamento aveva per lui un significato importante (di qualsiasi cosa si trattasse). Il cambiamento è di tipo puramente visivo; il modo in cui il nome viene pronunciato resta inalterato. Curiosamente, nonostante il gran numero di dipinti e stampe siglati con questa modifica, la maggior parte dei documenti che parlano di lui redatti nel corso della sua vita mantengono la forma originaria, “Rembrant“.[6]

Nick Hornby Funny Girl

Nell’Inghilterra degli anni Sessanta spopola l’attrice televisiva Sophie Straw, ex reginetta di bellezza di un paesino del Nord. Insieme a lei, l’affiatatissima squadra che lavora alla serie della BBC Barbara (e Jim), di cui Sophie è l’indiscussa protagonista. Gli sceneggiatori, Tony e Bill, nascondono un segreto difficile da confessare. Dennis, il produttore colto e sensibile, ama il suo lavoro ma odia il suo matrimonio. Il protagonista maschile, Clive, più bello di Simon Templar e molto vanesio, sente di essere destinato a una carriera di più alto profilo. E Sophie, che si è giocata il tutto per tutto pur di sfuggire alla monotonia della provincia e alla minaccia di un matrimonio senza amore, si troverà a recitare un copione di scena troppo simile a quello della sua vita, e dovrà decidere che tipo di donna essere, e che tipo di uomo scegliere.

Nick Hornby (Redhill17 aprile 1957) è uno scrittoresceneggiatoreparolierecritico musicale e critico letterario britannico.

Nick Hornby

BiografiaModifica

Dopo aver frequentato la Maidenhead Grammar School, Hornby si è laureato in Letteratura inglese presso il Jesus College dell’Università di Cambridge. Inizialmente ha lavorato come insegnante, per poi divenire giornalista freelance e poi romanziere e sceneggiatore cinematografico.

NIck Hornby durante un reading nella biblioteca pubblica di Seattle

La fama di Hornby ha avuto inizio con il libro autobiografico Febbre a 90° (Fever Pitch) (1992), che narra la storia della sua vita come tifoso dell’Arsenal; a questo sono seguiti i romanzi di grande successo Alta fedeltà (High Fidelity) (1995), in cui la musica Rock gioca un ruolo fondamentale, Un ragazzo (About a Boy) (1998), Come diventare buoni (How to Be Good) (2001) e Non buttiamoci giù (A Long Way Down) (2005).

Hornby ha scritto anche dei saggi, in particolare sulla musica pop. Nel 2002 ha pubblicato 31 canzoni, raccolta di saggi su 31 canzoni e album da lui scelti, da mostri sacri come Bruce Springsteen e Bob Dylan ad artisti del circuito indipendente come Ani DiFranco, da artisti pop da classifica come Nelly Furtado, a canzoni note soltanto a Hornby stesso. Scrive una rubrica di recensioni di libri per la rivista statunitense The Believer, in Italia queste rubriche sono pubblicate dal settimanale Internazionale. Una raccolta di questi articoli è stata poi pubblicata in Una vita da lettore, edito da Guanda nel 2006.

Hornby ha curato anche una raccolta di scritti sul calcio, uscita in Italia nel 2006 in occasione dei Mondiali di calcio intitolata Il mio anno preferito. Il libro raccoglie tutte storie sul calcio, di cui una è scritta proprio da Hornby. Nel 2008 esce il suo libro Tutto per una ragazza (Slam), edito da Guanda, che ha come protagonista il giovane quindicenne Sam Jones, patito dello skateboard alle prese con delle vicende con una ragazza. Il 5 novembre 2009 viene pubblicato in Italia, come sempre per la casa editrice Guanda, il nuovo romanzo dal titolo Tutta un’altra musica (titolo originale Juliet, Naked).

Nel 2010 pubblica, sempre per Guanda, la sceneggiatura del film An Education, primo film in cui l’autore inglese è sceneggiatore, uscito nelle sale italiane dal 5 febbraio 2010. Il 28 settembre dello stesso anno è uscito su cd e vinile il nuovo disco di Ben Folds “Lonely avenue” di cui Hornby firma gli undici testi. Nel 2012 viene pubblicato Sono tutte storie (titolo originale More Baths, Less Talking), una raccolta di testi usciti tra maggio 2010 e dicembre 2011 sulla rivista The Believer, sempre per la casa editrice Guanda.

Nel 2012 pubblica il romanzo breve Everyone’s Reading Bastard (tradotto in italiano nel 2013 come Tutti mi danno del bastardo), incentrato su una storia d’amore finita male e data in pasto al pubblico dei lettori di una rubrica. Nel 2014 viene pubblicato Funny Girl, romanzo ambientato tra il 1964 e il 1968, che racconta di una ragazza che si gioca il tutto per tutto pur di sfuggire alla monotonia della provincia inglese; una ragazza che vuole fare l’attrice, piuttosto che la soubrette, che vuole puntare sull’ironia, piuttosto che sulla bellezza, che vuole essere amata. Hornby considera[1] il romanzo la continuazione ideale di An Education, una “storia sociale” del Regno Unito negli anni in cui erano ancora presenti forme di discriminazione sessuale e razziale.

Adattamenti cinematograficiModifica

Parecchi libri di Hornby sono diventati film di successo. Febbre a 90°, il film tratto dal libro omonimo e interpretato da Colin Firth, è uscito nel 1997 e a differenza del libro viene raccontato un anno in particolare dell’Arsenal raccontato da Nick nel libro. Hornby stesso ha curato l’adattamento del film dal libro. Nel 2000 invece è uscito Alta fedeltà, con John Cusack, ambientato però a Chicago invece che a Londra come nel libro e il film mostra profonde differenze rispetto al libro.

In seguito al successo di questi due film, è stata realizzata la versione cinematografica di Un ragazzo, intitolata About a Boy – Un ragazzo, uscita nel 2002 con Hugh Grant come protagonista. Il film presenta qualche differenza rispetto al libro cui resta peraltro molto fedele. Nel 2005 è uscita una versione cinematografica americanizzata di Febbre a 90°L’amore in gioco, con Jimmy Fallon nel ruolo di un accanito tifoso dei Boston Red Sox e Drew Barrymore nel ruolo della sua fidanzata, dove però il ruolo del calcio è stato sostituito dal baseball.

Nel 2012 viene realizzato in Italia l’adattamento cinematografico del racconto È nata una star?, per la regia di Lucio Pellegrini, con Rocco PapaleoLuciana Littizzetto e Pietro Castellitto[2]. Nel 2014 viene realizzato Non buttiamoci giù, adattamento dell’omonimo romanzo, diretto da Pascal Chaumeil. Del cast fanno parte Pierce BrosnanToni ColletteImogen Poots e Aaron Paul.

Nel 2016 viene realizzato in Italia l’adattamento cinematografico del romanzo Tutto per una ragazza (Slam) con il titolo Slam – Tutto per una ragazza per la regia di Andrea Molaioli con Jasmine TrincaLuca Marinelli e Ludovico Tersigni.

Nel 2018 è stato presentato al Sundance Film Festival Juliet, Naked – Tutta un’altra musica, adattamento cinematografico del romanzo Tutta un’altra musica. La pellicola è diretta da Jesse Peretz ed interpretata da Ethan HawkeRose Byrne e Chris O’Dowd.

OpereModifica

RomanziModifica

RaccontiModifica

  • 1998 – Faith
  • 2000 – Nipple Jesus
  • 2005 – Not a Star, – È nata una star?, Guanda, 2010
    (racconto da cui è stato tratto il film omonimo)
  • 2005 – Small Country
  • 2005 – Otherwise Pandemonium
  • 2012 – Everyone’s Reading Bastard

SaggisticaModifica

Antologie a cura diModifica

  • 1993 – My Favourite Year: A Collection of Football Writing, – Il mio anno preferito Guanda, 2006
    (antologia di racconti sul calcio curata dall’autore)
  • 1996 – The Picador Book of Sportswriting
  • 2000 – Speaking with the Angel, – Le parole per dirlo , Guanda, 2003
    (antologia di racconti curata dall’autore)

SceneggiatureModifica

Film

Kandinskij

Miró La scala della fuga dalla serie delle Costellazioni 1940 tempera su carta, cm 38×46 New York, Collezine privata

Matthieu Faubourg – Please Stay – SoundCloud

Ascolta Matthieu Faubourg – Please Stay di Brindépice ☀ su #SoundCloud https://soundcloud.app.goo.gl/qD2W

Vigdis Hjorth in L’ eredità

“Eredità” di Vigdis Hjorth (Fazi) è un romanzo duro, tagliente, doloroso. Una narrazione straordinaria che fa male e che non perdona.

TRAMA – Quattro fratelli. Due case a picco sul Mare del Nord. Un dramma familiare sepolto nel silenzio da decenni. Tutto comincia con un testamento. Al momento di spartire l’eredità fra i quattro figli, una coppia di anziani decide di lasciare le due case al mare alle due figlie minori, mentre Bård e Bergljot, il fratello e la sorella maggiori, vengono tagliati fuori. Se Bård vive questo gesto come un’ultima ingiustizia, Bergljot aveva già messo una croce sull’idea di una possibile eredità, avendo troncato i rapporti con la famiglia ventitré anni prima. Cosa spinge una donna a una scelta così crudele? Bård e Bergljot non hanno avuto la stessa infanzia delle loro sorelle. Bård e Bergljot condividono il più doloroso dei segreti. Il confronto attorno alla divisione dell’eredità sarà l’occasione per rompere il silenzio, per raccontare la storia che i familiari per anni hanno rifiutato di sentire. Per dividere con loro l’eredità – o il fardello – che hanno ricevuto dalla famiglia. Per dire l’indicibile.

Sono queste le reti in cui rimaniamo impigliati, quelle che vengono intessute durante i primissimi anni di vita?

“Eredità” di Vigdis Hjorth non è un romanzo facile, ma di sicuro è fuori dal comune. Non tanto per i temi affrontati, quanto a mio avviso per lo stile dell’autrice, per alcune sue scelte narrative che hanno dato maggiore potenza alla storia e alla sua protagonista.

Conosciamo questa famiglia quando iniziano le prime dispute per l’eredità. Quattro fratelli, due case al mare che però vengono intestate solo a due sorelle. Astrid e Åsa.

Bård e Bergljot, il fratello e la sorella maggiori, hanno tagliato i ponti con il resto della famiglia, ma adesso, che c’è da dividere i beni, chiedono di essere ascoltati. Non tanto per i soldi – almeno da parte di Bergljot – quanto per il fatto di non voler lasciarsi tutto alle spalle. Dividere in modo non equo significa ancora una volta negare quello che è stato.

Andando avanti nella lettura, si entrerà nelle maglie del passato di Bergljot, scoprendo cosa è successo quando aveva 5 anni, e come questo abbia influito su ogni cosa. Sul rapporto con i suoi genitori, con le sue sorelle, sulla fine del suo matrimonio, sul lavoro.

Una donna distrutta, che alterna momenti di lucidità ad altri pieni di nevrosi. Ed è in quei momenti che la scrittura di Vigdis Hjorth si fa incredibilmente potente: frasi corte, ritmo serrato, continue domande, ripetizioni.

Ripetizioni di parole, di gesti, di movimenti. Un lavoro incredibile che ha conferito maggiore concretezza al personaggio, rendendolo reale. E credo che sia stato fondamentale la sintonia tra autore ed editor.

Della trama di “Eredità” non anticipo nulla, ovviamente. Non tanto perché è un susseguirsi di eventi, quanto perché ce n’è uno cardine intorno a cui tutto ruota e si dipana. Ma posso dirvi che ogni aspetto della vicenda di Bergljot viene analizzato con grande attenzione. Persino i sogni, e non mancano i riferimenti a Freud e a Jung.

Di grande impatto il modo in cui sono delineati i rapporti tra Bergljot e gli altri protagonisti del romanzo, specie quelli con la madre e con la sorella Astrid. Bergljot va indietro con la mente e distende man mano, con profonda lucidità e ferocia, i ricordi, coglie il vero senso dietro a ogni gesto, interpreta in modo nuovo anche quelli che sembravano dei regali.

Ho odiato Astrid e la madre di Bergljot. Le ho odiate senza volermi mettere nei loro panni, senza concedere loro il beneficio del dubbio, anche se la protagonista prova a dare delle spiegazioni. Io non le ho volute ascoltate. Ho preferito rimandere sorda, esattamente come loro.

Straziante la parte finale, quando Bergljot ammette di essere solo stanca. Stanca di ripetersi, di non essere capita, di non essere ascoltata. Creduta, accolta, compresa.

Una stanchezza distruttiva che non può cessare di essere tale.

“Eredità” di Vigdis Hjorth non è uno di quei romanzi che si divora con animo lieve. Le pagine scorrono via in modo febbrile, alternando diversi stati d’animo. Si vuole sapere e allo stesso tempo rimanere all’oscuro. Una voce, quella di Bergljot, che sarà difficile dimenticare.

  • Vigdis HjorthVigdis Hjorth (born 19 July 1959) is a Norwegian novelist. She was long listed for the National book Award. She grew up in Oslo, and studied philosophy6 KB (486 parole) – 04:29, 17 gen 2021
  • HjorthJesper Hjorth (born 1975), Danish footballer Maria Hjorth (born 1973), Swedish golfer Vigdis Hjorth (born 1959), Norwegian novelist 6119 Hjorth, a main-belt467 byte (57 parole) – 17:34, 2 nov 2019
  • Totally True Love2011 Norwegian film based on the 1984 novel Jørgen Anne er Sant by Vigdis Hjorth. Anne, 10 years old, is an energetic girl with more important affairs2 KB (140 parole) – 06:06, 26 ago 2020
  • AskerGold in Biathlon Morten Harket, singer in a-ha. Tom Hilde, ski jumper Vigdis Hjorth, author Anders Jacobsen – professional footballer Karsten Kaspersen19 KB (1 425 parole) – 00:56, 25 gen 2021
  • List of Norwegian writersAnne Holt (born 1958) Tom Egeland (born 1959) Jon Fosse (born 1959) Vigdis Hjorth (born 1959) Ove Røsbak (born 1959) Oystein Alme (born 1960) Frode Grytten9 KB (1 112 parole) – 17:52, 26 ott 2020
  • 2001 in literatureHaddix – Among the Impostors Joanne Harris – Five Quarters of the Orange Vigdis Hjorth – Om bare (If only) Nick Hornby – How to Be Good Silas House – Clay’s20 KB (2 027 parole) – 14:44, 15 gen 2021
  • Edvardprisenfrom the original on 2013-04-20. (in Norwegian) “Edvard-prisen til Vigdis Hjorth – Forfatterforeningen.no”. Archived from the original on 2011-09-1421 KB (793 parole) – 17:58, 12 gen 2020
  • Dobloug PrizeLundell Linn Ullmann 2018 Johannes Anyuru Helge Torvund Ida Börjel Vigdis Hjorth 2019 Ernst Brunner Johan Harstad Carin Franzén Olaug Nilssen 2020 Lars9 KB (95 parole) – 15:39, 31 dic 2020
  • Cappelen PrizeMargrethe Gaarder and Fredrik Skagen 1988 – Ingvar Ambjørnsen 1989 – Vigdis Hjorth 1990 – Kjell Arild Pollestad and Hans-Wilhelm Steinfeld 1991 – Paal-Helge2 KB (217 parole) – 12:25, 17 lug 2016
  • Norwegian Booksellers’ PrizePetterson 2013 – Cecilie Enger 2014 – Lars Mytting 2015 – Maja Lunde 2016 – Vigdis Hjorth 2017 – Helga Flatland 2018 – Simon Stranger 2019 – Lisa Aisato “Bokhandlerprisen”3 KB (263 parole) – 20:18, 9 ott 2020
  • Ingvar AmbjørnsenAwards Preceded by Roy Jacobsen, Håvard Rem Recipient of the Cappelen Prize 1988 Succeeded by Vigdis Hjorth5 KB (485 parole) – 18:30, 14 dic 2020
  • 2016 in literatureBrian Herbert and Kevin J. Anderson – Navigators of Dune (September 13) Vigdis Hjorth – Arv og miljø (Wills and Testaments, Norway) Anosh Irani – The Parcel40 KB (3 552 parole) – 11:43, 21 gen 2021
  • Norwegian Critics Prize for Literaturesølv 1983 – Johan Fredrik Grøgaard, for Jeg, Wilhelm, 13 år 1984 – Vigdis Hjorth, for Jørgen + Anne er sant 1985 – Mette og Philip Newth, for Soldreperen19 KB (907 parole) – 19:40, 25 gen 2021
  • 1959 in literatureJune 13 – Maurice G. Dantec, French science fiction author July 19 – Vigdis Hjorth, Norwegian novelist August 27 – Jeanette Winterson, English novelist19 KB (2 023 parole) – 10:31, 6 gen 2021
  • National Book Award for Translated LiteratureSpanish by Natasha Wimmer (Chile, Graywolf Press) Will and Testament by Vigdis Hjorth, translated from the Norwegian by Charlotte Barslund (Norway, Verso10 KB (1 079 parole) – 06:32, 27 dic 2020
  • Arild Linnebergessays as well as the satirical novel Ubehaget i kulturen together with Vigdis Hjorth in 1995. Rottem, Øystein (2007). “Arild Linneberg”. In Henriksen, Petter1 KB (93 parole) – 18:02, 25 mag 2020
  • Hans-Wilhelm Steinfeldin Moscow 2010–2014 Succeeded by Morten Jentoft Awards Preceded by Vigdis Hjorth Recipient of the Cappelen Prize 1990 (shared with Kjell Arild Pollestad)3 KB (99 parole) – 13:21, 7 ago 2020
  • List of Norwegian women writersHenriksen (1927–2016), historical novelist, playwright, non-fiction writer Vigdis Hjorth (born 1959), novelist, children’s writer Tone Hødnebø (born 1962), poet9 KB (1 071 parole) – 23:23, 28 ott 2020
  • Louisiana Literature festivalMarie Hede (DK), Maria Helleberg (DK), Christina Hesselholdt (DK), Vigdis Hjorth (NO), Yu Hua (CH), Siri Hustvedt (US), Josefine Klougart (DK), Linda30 KB (3 333 parole) – 22:44, 11 dic 2020
  • Brage Prize2012 – Knut Faldbakken 2013 – The Norwegian Public Libraries 2014 – Vigdis Hjorth 2015 – Einar Økland 2016 – Elisabeth Aasen 2017 – Kari Grossmann 201811 KB (1 232 parole) – 13:53, 3 gen 2020
  • Aschehoug Prize2012 – Ragnar Hovland 2013 – Erlend Loe 2014 – Geir Gulliksen 2015 – Vigdis Hjorth 2016 – Per Petterson 2017 – Øyvind Rimbereid 2018 – Liv Køltzow 2019

Alice Crescentini

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10210752561638883&substory_index=0&id=1495102961&sfnsn=scwspwa

Sara Foschi modella avvocato